E’ tutto okay.

Ho il vizio di rispondere sempre:

è tutto okay.
è tutto sottocontrollo.
va tutto bene.

Quando in realtà non c’è niente che sia sottocontrollo.
Non c’è niente che sia okay.
Non c’è assolutamente niente che vada bene, a tratti.
E allora mi perdo.
Mi guardo allo specchio e mi chiedo che cosa sono domani, chi sono oggi, e come devo fare a districarmi.
Perché in realtà mi piace quando qualcuno si preoccupa per me, ma non mi piace dargliene motivo.

Se ti preoccupi per me io ti rispondo che è tutto okay.

E’ talmente tutto okay che non so nemmeno in che stanza devo dormire quando torno a Roma, perché se mi ero persa dentro una ho pensato di andare in un’altra. Perché non so dove ho messo le matite e non so in quale ho lasciato i caricabatterie.
Lo chiamerei caos.
Leggere la vita delle persone sui social network mi sgretola i nervi oggi. Disinstallo tutte le app e lo annuncio in modo plateale perché, ehi, sono egocentrica anche io. A tratti. Solo che a me non me ne frega niente se la platea non risponde.
Perché ci sono delle volte che non mi è chiaro se mi faccio prendere in giro o se mi prendo in giro da sola e tutte quelle volte finiscono con un fulmineo: “è tutto okay 🙂 ” che, chi mi conosce un minimo, sa essere una frottola [quanto è carina la parola frottola?] colossale.
Chiudo twitter, chiudo facebook, lavoro con le cuffie nelle orecchie senza che nessuno si senta in dovere di parlarmi.

Però sorrido eh, si si sorrido. Non ci sono, non so dove sono, ma sorrido (senza ascoltare) alla mamma, al papà e anche al gatto che miagola.
Ma io non sono qua. Non sono là.
Io oggi non sono.

Domani poi ci penso.

Annunci

17 pensieri su “E’ tutto okay.

  1. Tuttapposto. Si dice tuttapposto. Tutto occhei è da bionda nordista. E tu ora sei romana d’adozione, per quanto mi costi ammetterlo. Tuttapposto. Ripeti con me. Tuttapposto. Come va? Tuttapposto. Come stai? Tuttapposto. Va tutto bene? Tuttapposto. Se vuoi esagerare, alza il pollice. Tuttapposto. Tuttapposto.

  2. Ma non doveva essere la mia una giornataccia? Dovevo fottermene del parcheggio. E venire a prenderti e portarti da tiger. Forse. Vabè, per non sbagliare ti spezzo qualcosa anch’io. Mh…ti spezzo…le doppie punte.

    • sono a Ferrara e avresti fatto un po’ fatica a venirmi a prendere 😀
      però la prossima volta, quando torno, andiamo insieme 🙂
      e si grazie, ne avrei bisogno di una passata alle doppie punte che ne ho di imbarazzanti °_°

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...