sai qual è il problema?

Il problema è che siamo troppo abituati a costruire castelli in aria.

Castelli per ogni cosa. Anche per il sapone delle mani che intanto è finito, inevitabilmente.
Castelli per ogni sensazione, per ogni dubbio, ogni sporco pensiero.
Siamo anime tormentate. Da cosa? Da noi stessi.

Burattini appesi a dei fili invisibili, padri di decisioni non nostre. Ci muove il tempo, con le nostre mosse rigide e le giunture doloranti.

IMG_20160619_193756

Viviamo per aria, in quei castelli fortunatamente troppo fragili per essere per sempre. E li distruggiamo e li ricostruiamo per una vita intera.
Sempre alla ricerca di risposte che non esistono, lassù.
Costruiamo giacigli come gabbie dorate, che diventano prigioni a cui fare saltare le sbarre. Una ad una.
Fino a che il castello crolla.

Non ci resta che farci schiacciare o scendere, ma difficilmente lo scegliamo noi.

Intanto il tempo passa e noi lo guardiamo, girare le sue lancette sugli orologi, scandire i suoi ultimatum. Li sentiamo quelli che ci dicono “guarda che poi è troppo tardi”, sono là, appesi ai loro fili.

Non c’è tempo per pensarci, perché poi finisce che non c’è più tempo per il tempo.

Tocca vivere quaggiù, ché lassù non è poi sto granché.

Annunci

3 pensieri su “sai qual è il problema?

  1. chissà poi perché si dice castelli in aria…si potrebbe dire ville, manieri, grattacieli, capanne. Che ci fanno i castelli in aria? Ci sono principesse da liberare?

  2. Non appena ho letto il titolo di questo post, mi è tornato alla mente un commento che un utente fece tempo nei commenti dell’Oroscopo di Internazionale. Spero non ti dispiaccia se scelgo di condividerlo anche qui.
    Il primo è l’oroscopo che scrisse quella settimana Rob Brezsny, e il secondo è il commento dell’utente di cui sopra.

    Per il tuo oroscopo ho preso in prestito alcune Leggi Coraggiose della scrittrice Dianna Kokoszka, perché si allineano ai tuoi presagi astrali dei prossimi tredici mesi: 1) Concentrati sulla soluzione, non sul problema. 2) Lamentarsi non fa che attirare altre rogne. 3) Quello su cui ti concentri cresce. 4) Fai quello che hai sempre fatto e otterrai quello che hai sempre ottenuto. 5) Non confrontare la tua interiorità con l’esteriorità degli altri. 6) Il successo è semplice ma non facile. 7) Non ascoltare la tua scimmia ubriaca. 8) La chiarezza è forza. 9) Non confondere il movimento con il risultato. 10) La spontaneità è un riflesso condizionato. 11) La gente si trasforma nelle conversazioni che le costruisci intorno. 12) Vivi la tua vita per scelta, non per inerzia.

    Cara Kokoszka, le tue Leggi mi piacciono tutte tranne undici. Me le rigiro così.
    1) Non concentrarti né sulla soluzione né sul problema. Siccome la soluzione e il problema sono legati, se ti concentri sulla soluzione fai esistere anche il problema. Se non li pensi tu, non esistono né la soluzione né il problema.
    2) Lamentarsi non fa che allontanare da te le persone. E la solitudine è sicuramente una rogna che pochi uomini riescono a sopportare.
    3) Quello su cui ti concentri esiste. Torna al punto 1).
    4) Fai quello che hai sempre fatto ma con uno spirito nuovo e otterrai quello che non hai mai ottenuto.
    5) Prima di cercare di confrontare la tua interiorità con qualcos’altro, renditi conto che la tua interiorità è infinita e non ammette termini di paragone.
    6) Il successo succede sempre a qualcun altro. Morto un papa gliene succede un altro. Non c’è ricambio nella casta dei successi.
    7) La mia scimmia è quella dell’Arcano Ruota della Fortuna. Sta in cima alla ruota, immobile, con gli occhiali da sole. È una sfinge o una bagnina in spiaggia, non so. Se è ubriaca, lo nasconde con molto decoro.
    8) “La chiarezza è forza.” Come no, vai a dirlo ai tuoi enigmi, vedrai che risate si faranno.
    9) Non confondere il movimento con il risultato. Il mondo è pieno di risultati raggiungibili da molti. I movimenti invece sono personali e incedibili.
    10) Quando sei spontaneo, sei già tutto.
    11) La gente cade nei silenzi come dentro ai tombini: in un istante e con sgomento.
    12) Condivido la tua dodicesima Legge al punto che non ho niente da aggiungere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...